Fabbricati Rurali ultima chiamata?

Per i Fabbricati Rurali ancora censiti al Catasto Terreni arriva quella che sembra essere l’ultima chiamata.

Il termine ultimo per l’iscrizione al Catasto Fabbricati era posto alla data del 30 Novembre 2012: entro tale data vi era obbligo di provvedere all’incombenza ai sensi dell’art. 13 D.L. 201/2011.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito l’elenco aggiornato delle particelle che ad oggi sono censite quali fabbricati rurali e per le quali si rende comunque necessario provvedere all’iscrizione al Catasto Fabbricati, operando mediante c.d. “ravvedimento operoso”  che permette di risparmiare sulle sanzioni dovute per la mancata iscrizione.

Le sanzioni, a puro titolo esemplificativo e non esaustivo, per i fabbricati rurali sono pari a € 172,00 (ovvero 1/6 del minimo della sanzione, sanzione che varia da € 1.032,00 a € 8.264,00).

E’ opportuno rammentare che la riduzione della sanzione potra’ essere applicata unicamente nel caso in cui vi sia da parte dei proprietari la regolarizzazione spontanea entro i termini che saranno riportati nelle comunicazioni che l’Agenzia si appresta ad inviare a breve ai proprietari.

Successivamente, in assenza di regolarizzazione spontanea, provvedera’ l’Ufficio ad eseguire l’aggiornamento e cio’ non consentira’ di usufruire della riduzione delle sanzioni previste.

E’ opportuno chiarire che l’aggiornamento eseguito dall’Ufficio non avviene a titolo gratuito; il passaggio da Catasto Terreni a Catasto Fabbricati verra’ trattato come una vera e propria prestazione professionale che anziche’ essere eseguita da un professionista di fiducia sara’ espletata da personale dell’Agenzia con oneri prestazionali posti a carico dei soggetti titolari del bene. Pertanto oltre le sanzioni applicate senza riduzione alcuna, vi sara’ da “pagare” la prestazione professionale.

Nel caso in cui i proprietari decidano di adeguarsi in proprio e trattandosi di aggiornamenti di pura natura tecnica, gli stessi dovranno affidare le incombenze relative alle procedure a professionista di fiducia; il professionista provvedera’ ad eseguire il dovuto sopralluogo, eseguire i rilievi del caso, redigere atto di aggiornamento al Catasto Terreni e successivamente iscrivere mediante procedura Do.C.Fa. l’immobile al Catasto Fabbricati.

Per i fabbricati rurali questa sembra essere davvero l’ultima chiamata.

Mi permetto consigliare a chi ancora ha dei fabbricati rurali di anticipare la comunicazione che arrivera’ dall’Ufficio e di iniziare quanto prima  l’iter di iscrizione al Catasto Fabbricati; in tal modo si potra’ usufruire delle sanzioni in forma ridotta e non si avra’ l’aggravio di costo derivante dalla sanzione intera e della prestazione professionale eseguita dai tecnici dell’ufficio.

Buona serata.

Sandro Ferrando

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento